Cosa voglio fare da grande

Quando hai un bambino che comincia a diventare un ometto è normale che prima o poi ti dica:”mamma, ecco cosa voglio fare da grande…”
E così dopo aver raccontato tutte quelle che sono le sue ambizioni, alcune terrene altre un po’ ultraterrene, arriva il momento che la domanda la fanno a te e cerchi sempre di dare una risposta ragionata, sobria e comprensibile.

Così gli ho risposto che da piccola volevo fare un sacco di cose e che mi sono sempre soffermata ad aggiornare la mia lista di “cosa voglio fare da grande” così da stare sempre al passo con i tempi :)

Qui ho scritto solo alcune delle cose che ricordo perché la domanda cosmica “cosa voglio fare da grande” me la sono fatta talmente tante volte che molti desideri li ho dimenticati.

Ma partiamo per ordine…

Poliziotta come Bud Spencer

Ammetto che ho sempre odiato le ingiustizie e parte fomentata dai fumetti e cartoni, parte per carattere, fino a qualche decennio fa, io volevo salvare il mondo e aiutare i più deboli.
Questo desiderio purtroppo era (ed è) troppo ambizioso, soprattutto per il fatto che io e Bud non abbiamo proprio le stesse misure, se lui fosse un armadio io potrei entrarci dentro almeno un paio di volte in senso verticale…ho capito che non avrei mai potuto emularlo e ho desistito. Capita.

Bud Spencer superpoliziotto

Bud Spencer superpoliziotto

Pilotare Goldrake come Actarus

Confesso che questo forse era un sogno ancora più ambizioso del primo perciò ben presto ho capito che dovevo limitarmi a guardare i cartoni animati per poi sognare di notte di intraprendere grandi avventure nello spazio. Del resto non vivevo in una fattoria ma in un appartamento, non avevo il cavallo come Actarus, non sapevo ancora suonare la chitarra e non c’era nemmeno Goldrake. Un sogno irrealizzabile, a parte cadere dal letto ripetutamente durante la notte tutto il resto sarebbe rimasto pura fantasia.

Actarus & Goldrake

Actarus & Goldrake

Il primo Goldrake però non si può scordare, canta che ti passa!

 

Essere come Hiroshi Shiba per diventare Jeeg

Ecco questa credo fosse tra le ambizioni/sogni più complicata, mi mancavano alcuni pezzi fondamentali, i guanti per la trasformazione, guidare la moto e soprattutto avere una moto, e poi mi sarebbe servita anche Miva altrimenti i componenti chi me li lanciava?
Sarei rimasta una capoccetta senza ne busto ne arti. Certo avrei potuto coinvolgere mia sorella ma non sembrava interessata a rivestire questo ruolo estremamente temerario e fondamentale perciò anche qui i miei sogni di gloria sono andati in fumo!

 http://www.deviantart.com/art/Hiroshi-Shiba-e-Miwa-Uzuki-poster-269730577)


http://www.deviantart.com/art/Hiroshi-Shiba-e-Miwa-Uzuki-poster-269730577)

Indimenticabile anche la sigla di Jeeg Robot d’acciaio

Diventare un superereroe

Spiderman, la Donna Ragno, Thor, la Vedova Nera, Wonder Woman, Batgirl (Catwoman non è il mio genere) troppa scelta non mi sono mai decisa, tra l’altro quando ero piccola, così come vedo anche ora, mentre i costumi dei supereroi maschi sono facili da trovare, quelli delle femmine manco a parlarne! Maschilisti allora datevi da fare e almeno proteggeteci come si conviene, quando hai bisogno di uno che ti salvi da una situazione disperata ci fosse mai qualcuno a darti un mano!!!

Marvel Super Hero Squad

http://wallpapermain.com/marvel-super-hero-squad-lovesuperhero/

 

Essere la figlia segreta di Bruce Lee

Questo era un sogno in qualche modo più terreno, ho sempre sognato di praticare Arti Marziali, ho iniziato comprando i libri e guardando i film di Bruce per poi mimarne le tecniche avida di praticare e di capire come diventare una lottatrice invincibile!
Ricordo persino che una notte, forse avevo una decina di anni o poco più, sognai di leggere una rivista di Arti Marziali che dichiarava di aver trovato “il nuovo figlio di Bruce Lee!” un bambino di 5/6 anni che sembrava fortissimo…quella fu una notte da incubo!
Ricordo che mi svegliai con la paura e il timore che fosse vero, tutte le mie ambizioni crollate in quella foto, ma per fortuna era solo un sogno.
Però a 17 anni iniziai il mio primo corso di Wushu che ho praticato per 20 anni, ho smesso poco prima della maternità.
Dopo anni di gare e di pratica, ho innanzitutto realizzato un’altra ambizione, quella di fare l’atleta e diventare membro della Nazionale Italiana per diversi anni. Inoltre cosa ben più importante, ho capito che ero soddisfatta di me pur non essendo figlia del grande Bruce ma dei miei più modesti ed affettuosi genitori.
Ma Bruce e quelli che sono venuti dopo come i miei Maestri, sono stati un grande esempio per crescere sani :)

Bruce Lee

Bruce Lee

 

Diventare Etologa come Konrad Lorenz

Chi non conosce il libro L’anello di Re Salomone ? Credo di averlo letto all’epoca delle scuole medie, un libro che mi ha fatto sognare, ho fatto spendere un capitale ai miei per comprarmi altri libri sull’argomento e persino un libro di studio! Da pazzi…a volte i genitori sono così teneri nel loro desiderio di compiacere i figli.
Poi quando decisi che avrei iniziato i miei studi su degli uccelli chiamati Taccole (di cui Lorenz raccontava e sui quali aveva basato alcuni dei suoi studi) ebbi una grande difficoltà…a Roma non trovavo le Taccole in nessun negozio di animali!!!
Mio padre padre ed il proprietario del negozio di animali, per consolarmi mi suggerirono di comprare una tartaruga d’acqua ed uno scoiattolo giapponese, abbiamo per anni mantenuto questi e poi comprato varietà di pappagalli ma niente Taccole!

Konrad Lorenz

Konrad Lorenz: L’anello di Re Salomone

Scrivere gialli come Agatha Christie

Questo desiderio si è sviluppato nel periodo delle scuole superiori perché conobbi quella che poi è diventata una mia cara amica e insieme ci dedicammo alla scrittura di piccole storie in giallo e persino di una mini-sceneggiatura per un video che poi fu girato con la sua telecamera con tanto di travestimenti e pugnali (giocattolo).
Quella è stata una bella esperienza, l’idea ci era venuta guardando il film Sotto il vestito niente.
Mentre giravamo il nostro cortometraggio ricordo che eravamo super adrenaliniche e in parte anche in preda all’ansia e all’agitazione…ci eravamo totalmente calate nella parte!
Di scrivere gialli ho smesso mi sono impigrita e ho preferito sedermi davanti alla tv a vedere gli episodi della Signora in Giallo, tanto moriva sempre qualcuno di certo non mi annoiavo :)

Agatha Christie book

Agatha Christie book

 

Diventare musicista

Sono sempre stata combattuta se diventare pianista, chitarrista di classica/acustica/elettrica oppure batterista!
La mia prima tastiera fu un modello della Bontempi, un catafalco che sembrava una specie di piccola lavatrice, così ambiziosa come ero decisi di seguire un corso che usciva in edicola e mio padre mi regalò successivamente un’altra tastiera verso i 13 anni che cominciai a suonare come autodidatta con piccole soddisfazioni.
Per diversi anni abbandonai la musica, la parentesi delle Arti Marziali predominava su tutto, poi molti anni dopo e prima della gravidanza mi buttai sulla chitarra elettrica!
Mi piace anche molto emettere quei suoni potenti o estremamente acuti e mi affascina la figura dei chitarristi dei gruppi Rock…soprattutto quando scuotono la testa con i capelli lunghi ed agitati…chissà se la cervicale mi è venuta così?
Poi però sono diventata mamma e ahimè ho smesso dunque l’idea di passare alla batteria è stata messa da parte sul nascere ma magari chissà ritornerà e metterò su un gruppo con mio figlio e suoi piccoli amici :)

Guitar hero band

Guitar hero band

 

Di certo però da bambina non mi annoiavo e non smettevo ma di sognare.
E tu cosa volevi fare da grande?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Comments links could be nofollow free.